Chiama il Numero Unico (+39) 0522.284003 Servizio 24 ore su 24 | 7 giorni su 7 | 365 giorni all’Anno

UNA COMUNITA’ SCONVOLTA PER LA SCOMPARSA DI “GABBO”

UNA COMUNITA’ SCONVOLTA PER LA SCOMPARSA DI “GABBO”

Cavriago: tutto il paese vicino alla famiglia del ragazzino di 13 anni morto domenica, investito da un’auto in via Prati Vecchi

CAVRIAGO (Reggio Emilia) – Una chiesa gremita e all’esterno, sul sagrato, una folla commossa. In centinaia si sono ritrovati per l’ultimo saluto a Gabriele Tiricola. Per gli amici Tirry. Soprannome scritto nei biglietti e nei cartelloni appesi attorno a uno dei tigli della collinetta al centro della quale sorge la chiesa di San Terenziano, scelta dalla famiglia per i funerali. Nei collage di foto momenti di scuola e di svago, condivisi coi coetanei. Al dolore dei genitori, Andrea e Catia, si sono stretti gli amici del ragazzino strappato alla vita a 13 anni, travolto in bicicletta da un’auto. C’erano i compagni di scuola, delle medie Galileo di Cavriago, nella quale il giovane avrebbe dovuto fra poco cominciare la terza media. Presenti, con addosso la maglia della squadra, i ragazzi della Scuola Basket Cavriago. Sport, quello della palla a spicchi, che era una delle passioni di Gabriele. Tanti poi, gli scout Cngei della sezione di Reggio, altra realtà che ha conosciuto da vicino il tredicenne, che nel corso di questa estate aveva preso parte anche a un campo in Valle Aurina. “Conoscerti per noi è stato un dono di cui ci sentiamo grati e onorati”, sono state le parole in uno dei ricordi letti dal pulpito durante la cerimonia.
La battuta pronta, molte volte in dialetto. L’ironia, l’energia e la sensibilità. Questi i caratteri più volte sottolineati. Anche dal parroco don Claudio Gonzaga che invitato a fare della memoria un antidoto al dolore.

La canzone che Gabriele amava cantare in chiesa è stata intonata al termine della funzione. Al suono degli applausi sono stati liberati in volo palloncini bianchi che hanno accompagnato l’ultimo viaggio di Tirry. Gli stessi applausi che poco prima avevano fatto sentire la vicinanza della comunità di Cavriago al papà, che al microfono ha ringraziato per il calore ricevuto. Con voce quieta e ferma ha chiesto a tutti di portare nel cuore un po’ di Gabriele.

da:   reggionline.com